Privacy Policy Per l'Amore ci vuole coraggio - Pollicino era un grande
Top
Per l'Amore ci vuole coraggio - Pollicino era un grande
fade
15715
post-template-default,single,single-post,postid-15715,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.1,flow-ver-1.3.5,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0,vc_responsive

Per l’Amore ci vuole coraggio

Perché sei un essere speciale e io avrò cura di te.

Franco Battito – La cura

 

Se so che l’amore farà male, perché iniziare?

 

Molte storie non iniziano per paura del dolore. Di non essere abbastanza, di vedere la fiducia tradita. E’ meglio allora la solitudine? Certamente se si tratta di una scelta consapevole e la persona ne è felice va benissimo. Ma la scelta della solitudine per paura è una scelta accettabile per il nostro star bene? Forse possiamo cercare di seguire l’altra strada, quella che ci porta al coraggio di vivere le nostre emozioni, di provarci.

 

Ma è così terribile amare e rischiare di provare dolore? Dipende. Ognuno sa quanto è in grado di sostenere il dolore. In linea di massima, una buona storia nasce più facilmente tra coraggios* guerrier* che, con la consapevolezza che si potranno fare errori, corrono il rischio di essere felici. E se poi va male?

 

Le storie finiscono e sì, a volte lo fanno perché facciamo degli errori a cui non si può rimediare. Ascoltiamoli, ci raccontano comunque qualcosa di noi che potrebbe aiutarci a diventare miglior*

 

Io mi dico è stato meglio lasciarci
che non esserci mai incontrati.

Fabrizio De Andrè – Giugno ’73

 

Se sbagliare ferisce e ci ferisce, non possiamo evitare che capiti. La storia senza sbagli è un mito impossibile da raggiungere, proprio come è nella natura dei miti. Ma il dolore che proviamo non deve restare inascoltato e non è inutile. Abbiamo da imparare dalle nostre mancanze perché ci raccontano di noi.

 

 

Non vivere una storia per paura di soffrire è arrenderci ad un dolore certo per proteggerci da un’altro che potrebbe non accadere. E, seppure dovesse arrivare, potrebbe essere non solo sopportabile, ma persino risolvibile. E’ il lavoro che si farà insieme, in coppia, con gli errori – immancabili – che si fanno lungo il cammino a definire la coppia. Si può farli propri e tesserli insieme al resto della propria relazione o fare che diventino il taglio che interrompe, momentaneamente o per sempre, la costruzione della nostra storia.

 

Ci vuole coraggio per superare un errore e resilienza per trovare il modo di avere coraggio.

 

Le coppie che hanno il coraggio di affrontare insieme anche gli errori, sono le più resilienti, ma non è detto che siano le più innamorate. L’amore c’entra fino ad un certo punto. Le paure che portiamo con noi possono essere più forti di un sentimento sincero. Per questo è bene conoscerle e accoglierle per superarle.

 

Andare oltre i traumi della nostra vita, accogliere i nostri aspetti più vulnerabili, ci porta ad avere più potere quando qualcosa di spiacevole accade. Non è destino se le cose iniziano ad andare male, non è perché non meritiamo amore e cura, non è scontato che le cose non vadano. La coppia è un continuo lavoro, non solo a due ma anche come individui. Fare in modo che le cose vadano per il verso migliore è un impegno.

 

Clementine – Io non sono sono un’idea, Joel, ma una ragazza incasinata che cerca la sua pace mentale, non sono perfetta.

Joel – Non riesco a vedere niente che non mi piaccia in te, ora non ci riesco.

Clementine – Ma lo vedrai, ma lo vedrai! certo col tempo lo vedrai, e io invece mi annoierò con te, mi sentirò in trappola perché è cosi che mi succede!

Joel – Okay.

Clementine – Okay? …Okay?

Joel – Okay.

Se mi lasci ti cancello – Un film di Michel Gondry (2004).

 

Insegna a chi ami ad amarti

 

Stare insieme non è sempre qualcosa che viene naturale. Per questo dobbiamo continuamente raccontarci. Fare entrare la nostra coppia nel nostro mondo, insegnargli chi siamo. Come ci piace che si abbia cura di noi, come ci piace il sesso, riconoscere cosa non ci piace e parlarne senza imbarazzo ma con attenzione.

 

Come prima cosa devi sapere in che modo hai bisogno ti si dimostri amore.

 

Se non lo sai, farai fatica a capire cosa non va nella relazione se qualcosa non dovesse funzionare. Non si tratta di avere fortuna e la/il partner perfett* ma di riuscire a raccontare a chi abbiamo accanto cosa ci piace e cosa no. La vita da dei significati diversi a parole come coppia, piacere, legame, gioco, relazione, amore. Sono diversi come diverse sono le storie di tutto il mondo. Solo conoscendo cosa vuol dire per noi stare con qualcuno possiamo entrare veramente nel legame in maniera sincera e consapevole.

 

Sono gli spazi da riempire a nutrire la coppia

 

Sono proprio le cose che ancora non sappiamo a rendere la nostra relazione più forte. Le avventure che si vivranno insieme, alcune belle, altre difficili, alcune ancora terribili. E’ nella distanza da riempire per superare insieme le difficoltà insieme che sta il potere di una coppia a resistere al tempo e alle fragilità delle sue parti. Se anche il non sapere ci spaventa, in realtà solo affrontandolo potremo scoprire molto di noi stess* e della persona che abbiamo scelta come partner. Sia nella vita di tutti i giorni che nella sessualità, ci sono aspetti che possiamo capire che effetto hanno su di noi solo parlandone e magari sperimentando. In questo complicità e intimità sono parole preziose che vanno nutrite e rinforzate per poter creare una storia di coppia potente.

 

 

Seppure ci diciamo che non vogliamo sorprese, se ci sembra di desiderare la persona che non ci farà mai vivere alcuna ansia, sappiamo, dentro di noi, che in molti casi queste relazioni falliranno proprio per quell’assenza di stimoli che ci ha portato a sceglierle. Il legame sicuro non è quello senza sorprese, è quello che ci fa sentire capaci di affrontare l’incerto.

 

La relazione stabile è bella perché sappiamo che insieme possiamo avventurarci dove non abbiamo potuto prima, dentro di noi, nella nostra sessualità, nella possibilità anche di discutere per scoprire nuove cose di chi siamo e di chi amiamo.

 

Non è facile sentirsi a nostro agio nelle situazioni incerte. Mi ama o non mi ama? Non esiste margherita in grado di alleggerirci da questa ansia di sapere se saremo amat* e se lo saremo nel modo giusto. Mentre attendiamo di conoscere la risposta a questa domanda, possiamo coltivare, pienamente, la possibilità che vive in questa attesa. Uno spazio tutto da vivere.

 

La connessione che possiamo stabilire con la/il partner quando ci rendiamo disponibili, in ascolto di cosa sta accadendo, intorno e nel corpo, ci offre molte più possibilità che la fuga dalla paura. E in tutto questo c’è anche l’incertezza. Come andrà? Per quanto staremo insieme? Come sarà? Certamente rendere piacevole l’incerto è un’arte e l’amore è forse il più complicato dei mondi dove accoglierlo. Ma entrare nella profondità di un legame duraturo passa anche da qui, dall’accettare il dubbio, fino all’ultimo petalo. Sperando dica sempre che siamo amat* nel modo giusto per noi.

 

Accettare il dubbio e sentirsi al sicuro nonostante tutto. Questa è la vera fatica, il vero coraggio. Fare in modo di sapere chi siamo e, anche se la storia dovesse andare male, ricordare sempre che noi siamo persone amabili e abbiamo da dare. Arrivare a questo è la vera sfida, amarci per amare. Quando saremo sufficientemente sicur* allora potremo correre i rischi, goderci il coraggio e tuffarci nella nostra storia d’amore.

 

Marzia Cikada

Psicologa, psicoterapeuta, terapeuta EMDR. Libera Professionista, realizza laboratori di scrittura autobiografica. Si occupa di adolescenti e coppie. Ama le storie.

Commenti

Sorry, the comment form is closed at this time.