Privacy Policy - Pollicino era un grande
Top
Pollicino era un grande
fade
16055
post-template-default,single,single-post,postid-16055,single-format-standard,eltd-core-1.1,flow-ver-1.3.5,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0,vc_responsive

Le Mini-recensioni di Pollicino

The Bold Type

The Bold Type è una serie televisiva statunitense (5 stagioni ma l’ultima non è ancora uscita) che racconta di tre amiche, Jane, Kat e Sutton (le attrici Katie Stevens, Aisha Dee e Meghann Fahy) che llavorano in una rivista femminile –Scarlet. In Italia la trovi su Netflix o Prime, ma solo le prime tre stagioni. Si tratta di una serie dramedy creata da Sarah Watson e ispirata alla vita della ex caporedattrice di Cosmopolitan.

Perché Pollicino parla di Sutton, Jane e Kat?

Perché non si tratta solo di una serie che parla di moda e stile, ma di amicizia e inclusività. La rappresentazione delle tematiche LGBTQ+ è parte integrante della serie. Sin dal primo episodio si riflette sulla sessualità e sull’orientamento sessuale. Proprio con una delle protagoniste Kat che, pur ritenendosi eterosessuale, sente nascere un sentimento per una fotografa lesbica mussulmana, Adena. La sua crescita come donna bisessuale diventa parte della storia in maniera leggera ma non superficiale.

La consapevolezza di chi si è, dall’orientamento sessuale bisessuale a cosa significa essere di una persona di colore è tutta nel personaggio di Kat.

Man mano che questo personaggio la sua consapevolezza sessuale crescono, vengono messe in scena questioni e riflessioni che le persone omosessuali vivono ma che non vengono quasi mai raccontate. Scoperta, sperimentazione, coppia. Inoltre, la serie ha un forte taglio intersezionale, che unisce la questione femminista alle tematiche queer, il gender gap, il body positivity, le molestie sessuali, il razzismo e la cultura patriarcale. Le protagoniste imparano come prendersi le loro responsabilità, nella società, sul lavoro.

E poi c’è l’amicizia. Quale motivo migliore per innamorarsi di una serie?

Una parte importante la svolgono le relazioni amorose – chiaramente – sottolineando come sia importante creare relazioni dove ci si possa fidare, che permettano di esprimersi, di crescere. E poi ce lei, sua maestà l’amicizia.

Le tre giovani donne sono sempre presenti per sostenersi, un sentimento forte e sincero, capace di chiedere scusa, di farsi riparo ma anche spinta a crescere. Un legame che Pollicino augura che chiunque possa conoscere e avere presente nella sua vita. Un antidoto alle difficoltà e alla solitudine.

Marzia Cikada

Psicologa, psicoterapeuta, terapeuta EMDR. Libera Professionista, realizza laboratori di scrittura autobiografica. Si occupa di adolescenti e coppie. Ama le storie.

Commenti

Sorry, the comment form is closed at this time.