Top
Elezioni Enpap – Un breve sunto prima del voto – – Pollicino era un grande
fade
618
post-template-default,single,single-post,postid-618,single-format-standard,eltd-core-1.1,flow-ver-1.3.5,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0,vc_responsive

Elezioni Enpap – Un breve sunto prima del voto –

Non si dimentichi mai che si è eletti per operare; e non si opera per essere eletti. La confusione dei fini risulterebbe nefasta. 
Giulio Andreotti
 
 

Dal 26 gennaio al 1 febbraio 2013 tutti gli psicologi iscritti all’Ente (art. 2, comma 1, del Regolamento elettorale) e i pensionati dello stesso alla data 15/10/2012, sono chiamati in prima convocazione a presentare il loro voto per l’Elezione dell’Enpap. Bene. E quindi? Se sei uno psicologo e quanto ho appena scritto non ti suona familiare allora qualcosa non sta funzionando, continua a leggere. Potrebbe servirti. Potrebbe informarti. Non vuole essere un esaustivo quadro della situazione ma uno stimolo. Mi piacerebbe che per una volta la percentuale degli psicologi che si informa su quanto li riguarda e che si occupa attivamente del loro presente fosse più alta del solito. E, purtroppo, ammetteremo che non ci vuole molto.

Iniziamo dall’inizio, solitamente funziona.

Cos’è Enpap?

L´Enpap è un istituto di previdenza nato dopo il decreto di legge n.103/96 e attivo dopo il completamento di Statuto e Regolamento nel 1997. Si occupa in primo luogo delle pensioni di un ordine professionale definito: gli psicologi. E’  obbligatorio iscriversi dal momento del primo guadagno in qualità di psicologo. Si tratta di una fondazione di diritto privato.

Cos’è il Consiglio di Amministrazione?

Come tutti i consigli di Amministrazione (CdA) anche quello dell’ Enpap gestisce le azioni dell’Istituto. Il Consiglio di Amministrazione è costituito da cinque consiglieri eletti mediante votazione segreta. Le elezioni si svolgono sulla base di un Collegio unico nazionale e ogni elettore potrà esprimere al massimo quattro preferenze.

Cos’è un CIG?

Si intende per CIG il Consiglio di Indirizzo Generale. Vengono proposte in questa sede le tematiche generali che vengono poi affrontate dall’Istituto. L’Enpap è composta da 3 diversi CIG: Nord, Centro, Isole e Sud. Il Collegio di appartenenza viene individuato in base alla residenza anagrafica.

Chi si è candidato per queste Elezioni?

I candidati all’Enpap sono per lo più da collegare a gruppi già presenti che si occupano già da anni di politica per lo psicologo a diversi livelli. Inutile dire che ogni gruppo ritiene che sarà capace di dare dignità e sostegno alla figura dello psicologo. Promesse ne fanno tutti, non tutte verranno mantenute ma l’importante è capire chi si ritiene ci voglia seriamente provare. In seguito, per ogni schieramento base presentato, vado ad elencare i valori base riportati leggendo direttamente i siti e i nomi proposti per il solo CdA, sarà poi la curiosità di ognuno a spingerci a leggere il programma per intero e a consultare i nomi candidati nei singoli CIG.

  • Costruire Previdenza. Il loro motto è “Dare Dignità alla Professione.” Si tratta del gruppo al momento presente alle redini dell’Enpap. Dal programma si evince che il loro obiettivo è valorizzare il ruolo dello psicologo nella società, motivando e sostenendone la crescita professionale difendendone la dignità politica in un Paese che cambia tra contrasti e paure. Sottolineano di sapere il diritto dei liberi professionisti di lavorare in autonomia “con serenità, dignità e fiducia nel futuro”. Il Gruppo è praticamente il sindacato AUPI.
    I loro candidati per il CdA sono : Angelo Arcicasa Daniela Petrol,  Claudia Burroni, Mario Sellini.
    Curiosità: Da molti mesi ormai si parla dello scandalo che porta il nome di Angelo Arcicasa, attuale presidente Enpap e capolista di Costruire Previdenza. Si tratta di una indagine per truffa aggravata riportata da diversi organi di informazioni ( tra cui Sole24Ore, La7, AdnKronos ). La magistratura si sta interessando del caso per un acquisto immobiliare a Roma a via della Stamperia 64 ( palazzo di cinque piani vicino a fontana di Trevi) fatto dall’Ente e che pare abbia fruttato una certa plusvalenza al senatore del Pdl, Riccardo Conti. Conti ha venduto il palazzo all’Enpap per 44,5 milioni lo stesso giorno in cui lo ha acquistato per 26,5 milioni. Al momento si stanno acquisendo elementi utili a definire se si tratti di truffa, corruzione, appropriazione indebita o altro Non  ci sono giudizi legali al merito, ma quanto meno ci si chiede quale sia stato il pensiero dominante nel ripresentarsi alle elezioni subito a ridosso di tale dissennata leggerezza. Se, come dice Arcicasa al Corriere della Sera sono stati SOLO “fessi ma non ladri” mi chiedo quale tra le due categoria sia la più adatta a vigilare sulle pensioni degli psicologi, se non se ne possa trovare invece una terza, che so, i competenti o gli onesti, che possa amministrare un Ente così importante  e, non ultimo, possa rappresentare la professione.
  • Cultura e Professione . Si tratta di una Associazione nata nel 1993 nel Lazio con il fine di lavorare sulla politica professionale dello psicologo. I suoi fini sono la promozione, lo sviluppo e la tutela della professione di psicologo, promuovendo tramite questa una migliore qualità della vita. Chiedono rispetto delle Regole, Correttezza, e Trasparenza negli atti dell’Ente, ma prima di ogni altra cosa Controllo rigoroso sugli atti di chi amministra, di qualsiasi colore egli sia. Cultura e Professione è presente in buona parte dell’Ordine del Lazio  ed è rappresentata già all’interno dell’Enpap ( di cui uno del CdA).
    I loro candidati per il CdA sono :Laura Recrosio,  Anita Lanotte, Paola Marion, Marisa Piera Zipoli
    Curiosità: La maggioranza di Cultura e Professione, presente come dicevo nell’Ordine degli Psicologi del Lazio, ha reso pubblico quanto deliberato a dicembre 2012 rispetto la possibilità che venga attivato un elenco dei CTP ( Consulenti Tecnici di Parte) che sia inviato periodicamente ai tribunali del Lazio. La curiosità, amara, è che “gli psicologi che intendano operare nell’area dei procedimenti minorili dovranno possedere anche l’annotazione come psicoterapeuta”. Ii chiedo se sia necessaria questa specializzazione ( essendoci peraltro percorsi formativi ad hoc in Psicologia Giuridica) e quanto questo crei in realtà confusione e limiti per tutti i colleghi “solo” psicologi che non abbiano anche quella specifica formazione.
  • Altra Psicologia.  E’ una Associazione di politica professionale nata il 25 Aprile del 2005 con il fine di promuovere le condizioni degli psicologi iscritti all’Ordine. Si occupano di informare in maniera immediata e trasparente i colleghi, tramite anche l’uso della rete, di creare aggregazione professionale ed un sentimento di appartenenza alla categoria. I loro valori nel programma per le elezioni sono  Libertà, Legalità, Solidarietà, Indipendenza, Etica. Ha sicuramente tenuta alta l’attenzione sugli eventi di via della Stamperia e non solo, informando e muovendosi molto perché le notizie venissero a conoscenza di tutti. Molto spesso, questo non piace a chi li ritenga eccessivamente critici su tutto, specialmente in nome della filosofia che “i  panni sporchi si lavano in casa” .
    I loro candidati per il CdA sono : Felice Damiano Torricelli, Federico Zanon, Stefania Vecchia, Chiara Santi
    Curiosità: Una particolarità di AP sembra essere quella di muoversi molto. Anche prima dell’urgenza elezioni, il gruppo ha creato, organizzato, inventato occasioni di dialogo tra psicologi nell’ottica di un bisogno nuovo nella categoria, quello di uscire dallo studio ( sempre meno frequentato) per conoscere gli altri colleghi, promuovere progetti, comunicare con il vicino, avere idee. Molta comunicazione scorre in rete ma per fortuna sono diversi gli eventi promossi nelle diverse città.
  • Lista Civica: I loro valori sono Etica, Trasparenza e Solidarietà. L’idea nasce dalle fila della Sipap, Società Italiana Psicologi Area Professionale privata. Presente sul territorio dal 1995, la Sipap è interessata a rappresentare e tutelare la categoria degli psicologi in ambito culturale, scientifico, professionale, nel campo della psicologia e delle scienze affini. La Sipap non si presenta alle elezioni direttamente ma sostiene la Lista Civica ( Policastro è allo stesso tempo Presidente Sipap e Capolista Lista Civica). La Lista ha stilato nove punti per riorganizzare l’Enpap e molti punti vertono sulla possibilità di dare servizi agli iscritti come assistenza integrativa, microcredito, long term care e promozione della nostra professione. I valori guida sono la solita Trasparenza, Etica, Solidarietà, Partecipazione, Equità, Coerenza, Competenza, Lealtà, Pluralismo.
    I loro candidati per il CdA sono :  Pierluigi Policastro – Luisa Barbato – Filippo Cantone – Paola Fenzi
    Curiosità: La Lista Civica è nata ad hoc per le elezioni 2013, non sono quindi dentro l’attuale gestione Enpap. Questo li rende orgogliosi di dire, riporto dal sito, “noi non c’eravamo” e continuando “non c’entriamo nulla!! Perchè lavoriamo con la materia viva, e lo sappiamo, sono le persone il miglior investimento.”
  • Candidati Indipendenti. Non  si tratta di un gruppo, che invero rifuggono come idea, ma di singole identità. Professionisti che preferiscono agire in maniera indipendente e autonoma da eventuali logiche di gruppo, ritenute nocive per il bene dell’Enpap e della categoria. Quindi si tratta di singoli nomi che hanno come valore fondante quello di “Ricostruire”, valore e concetto espresso con chiarezza in tutto il programma proposto. In molti non si conoscono tra di loro ma fanno riferimento al MoPI  (Movimento Psicologi Indipendenti) di Ciofi, che, in qualche modo, li ha chiamati a raccolta.
    I loro candidati per il CdA sono : Bianchi Fabio – Borgialli Laura – Ciofi Rolando – De Ruggieri Tiziana – Latte Giuseppe – Lupo Mariateresa – Mastrogiovanni Francesco Paolo – Nardelli Fabio – Nicolussi Marco – Zammuto Luigi

Come e dove si vota?

Si può votare richiedendo il materiale per il voto per Posta  (Voto Postale) segnalando il numero di iscrizione all’Ordine e la matricola Enpap. Il tutto arriva per posta e per posta deve essere rispedito, debitamente compilato. La busta non deve arrivare dopo  il  1 FEBBRAIO 2013. Quindi non vale la spedizione ma la data di arrivo.  Altra modalità per il voto alle elezioni Enpap è andare al Seggio. Quindi di persona. Bisogna in quel caso recarsi alle urne tra il 26 gennaio e il 1 febbraio 2013 con un documento di identità valido. Terza maniera di votare, oltre la posta e il seggio, è tramite Notaio ( deve essere incaricato dall’Enpap stesso) recandovisi con documento di identità al seguito. Sarà possibile in questo caso, votare fra il 20 e il 30 Gennaio 2013 circaLa lista dei seggi e dei notai è possibile trovarla in vari siti dedicati alle elezioni. Benché non tutti siano chiarissimi la missione è possibile.

Se non si raggiungesse il quorum ( un ottavo degli aventi diritto al voto)  ci saranno votazioni in seconda convocazione dal 16 al 22 marzo 2013.

Perché scegliere di votare?

Forse tra tutte è questa la domanda più importante. La risposta è facile. Per essere parte del proprio futuro e per cambiare un presente che non sembra assolutamente di aiuto e sostegno per la professione. Ho già avuto modo di parlare della necessità di interessarsi di politica professionale in un post di qualche mese fa. Una figura professionale così complessa e delicata come quella dello psicologo non può più permettersi di vivere fuori dal mondo adulto delle responsabilità. Responsabilità di informarsi, di capire, di prendere parte al mondo esterno e fare la propria, seppur piccola, parte. La vittoria nelle prossime elezioni Enpap, sarà raggiungere un buon numero di votanti. Quale che sarà il risultato, la sconfitta sarebbe che ancora una volta, preparati professionisti, se ne restino a casa mentre pochi altri decidono per loro cosa sarà di tutela, promozione, immagine, presenza, futuro dello psicologo.

Buon voto. Buona responsabilità.

Da parte mia ho avuto modo di conoscere in questi mesi e ben prima dell’urgenza elezioni Enpap, la politica professionale come è intesa dal gruppo di Altra Psicologia. Il mio piccolo sostegno va a loro.

Marzia Cikada
Commenti

Scrivi un commento