Privacy Policy Sesso e pandemia ... mai più o meglio di prima? - Pollicino era un grande
Top
Sesso e pandemia ... mai più o meglio di prima? - Pollicino era un grande
fade
15752
post-template-default,single,single-post,postid-15752,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.1,flow-ver-1.3.5,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0,vc_responsive

Sesso e pandemia … mai più o meglio di prima?

Il sesso non è poi così importante, quando lo si è appena fatto.
Giovanni Soriano

 

Ansia e pandemia non fanno bene alla sessualità

 

Cosa è successo in questi mesi? Se per diverse coppie c’è stata una riscoperta dello stare insieme e del godersi la vita a due, molte altre hanno dovuto passare il periodo del lockdown separate, o sono state prese di assalto dalla necessità dei figli, da quelle del lavoro a distanza. Le discussioni sono state feroci, la solitudine a due dolorosa, la comunicazione difficile. Ansia e gestione dei tempi sono state il veleno peggiore per serenità di coppia e buona intimità.

 

A distanza di mesi, molte coppie sentono addosso ancora un livello di ansia troppo forte per riprendere a vivere serenamente la loro sessualità.

 

Sentono una stanchezza e un peso addosso che non si è affievolito con la fine delle restrizioni. L’incertezza che ancora avvolge le persone, la scuola, il lavoro ha un ruolo decisivo in molte storie di coppia.

 

Parliamo di coppie esaurite tra riunioni, smart working fagocitante, paura dello sventolato pericolo alle porte, dalla minaccia di nuove chiusure, contratti di lavoro in bilico e emozioni forti che non sempre è facile gestire.

 

Purtroppo il numero delle crisi di coppia, in questo periodo, aumenta.

 

Preferirei litigare con te piuttosto che fare l’amore con qualsiasi altra donna.
Dal film Wedding Date – L’amore ha il suo prezzo

 

Sebbene la sessualità è un modo per rilassarsi, per poterci arrivare, è necessaria una certa attenzione e se le tue energie sono prese da altro, diventa complicato.

 

Per chi poi è single, cercare l’anima gemella o anche solo qualcuno che piace abbastanza per farci sesso, potrebbe essere più complesso se si ha un minimo di attenzione alle regole e alla sicurezza.

 

Certo non stiamo parlando di una malattia sessualmente trasmissibile, quindi in parte dovremmo star seren*. Ma la verità è che i corpi a distanza fanno un po’ più fatica ad avvicinarsi. Non è facile essere single di questi tempi. Senza entrare nel mondo dell’amore romantico, ma la semplice sperimentazione con partner che non si conoscono non sembrerebbe una ottima idea e per molte persone, specie se non troppo avvezze all’autoerotismo, questo potrebbe far sentire più tristezza.

 

Bisogna essere sicuri che la persona con cui abbiamo intenzione di avere rapporti stia bene, così come dobbiamo essere sereni con la nostra di sessualità. In questa cornice, il sesso orale diventa quasi impossibile, il bacio una sfida. Il rischio è che la pandemia diventi un elemento che riduca la voglia e la possibilità di costruire relazioni soddisfacenti. Prima regola è avere attenzione per la propria e altrui salute, ma poi è bene anche dare spazio al proprio bisogno di contatto.

 

Per il piacere ci vuole rilassamento

 

L’ansia non fa bene a quasi niente, certamente non al sesso. E’ necessario allenare la propria capacità di rilassamento, per prepararsi alla occasione del piacere, seguendo delle regole per vivere serenamente i nuovi incontri e l’intimità.

La sessualità positiva ci porta non solo ad avere un rapporto sereno con il naturale bisogno di contatto e vicinanza ma anche un rapporto sano con le necessità del tempo, mascherina inclusa.

 

Sesso sicuro sempre – prima, dopo e durante il COVID-19

 

 

The American Sexual Health Association (ASHA) e con loro anche altre organizzazioni, hanno redatto delle linee guida per il sesso sicuro in questo periodo. Indicazioni che possono indicare alle persone come cavarsela con il virus mantenendo la gioia dello stare insieme e il piacere della sessualità.

 

Il bisogno di fare attenzione quando si hanno primi rapporti con persone che non si conoscono dovrebbe essere naturalmente impresso in ogni persona sessualmente attiva, in primis per rispetto di se stess*

 

Per evitare qualunque tipo di malattia sessualmente trasmissibile ci sono i preservativi, e questo dovrebbe essere un comportamenti automatico ancor prima della preoccupazione per le goccioline di saliva che potrebbero farci contagiare per il covid. Si tratta di attenzione alla propria salute, di educazione alla sessualità positiva.

 

Previeni problemi e poi fa ciò che ti piace. Dovrebbe essere un adagio interiorizzato da chiunque.

 

In ogni caso, la masturbazione non è mai stata proibita se le mani sono ben lavate e stesso discorso vale per l’utilizzo di sex toys prima e dopo l’uso (abitudine che sarebbe bene avere sempre in ogni caso).

 

La seduzione oggi, con una fisicità mediata dal distanziamento sociale si riaffaccia all’uso delle parole? Sarebbe interessante, dopo anni di cotto e mangiato, sessualmente parlando, tentare connessioni che sono prima legate all’elemento verbale. D’altronde, non sono poche le persone che riescono anche solo con le parole giuste a vivere un orgasmo e a sentirsi legate e attratte da un tono di voce più che da un bicipite.

 

Il bisogno di tornare alla connessione fisica è naturale. Ascoltiamolo cercando nuovi mondi di piacere.

 

Non possiamo pensare che i blocchi che ci sono possano essere eliminati da un momento all’altro, come ci ha reso chiaro il problema delle discoteche questa estate, ma i primi blocchi sono dentro noi. La sessualità ha anche bisogno di conoscenza e tempi lenti e dedicati. Sappiamo dargliene?

 

Se da una parte, molte persone faranno finta di niente, mettendo se stesse e gli altri in pericolo, magari considerando esagerate, quando non ridicole e inutili, le norme contro il contagio, è bene cercare di mettere un limite a questi comportamenti e affrontare il tema da altre angolazioni.

 

 

Il bisogno di contatto è della vita stessa, ma cerchiamo di non trasformarlo in pericolo. Coltiviamo la relazione il giusto da capire che possiamo essere tranquilli, se siamo single, cerchiamo di capire cosa sta accadendo nella nostra coppia se siamo almeno in due.

 

Il piacere sessuale va coltivato prima di tutto attraverso una buona igiene emotiva.

 

Poi salvaguardiamo anche l’igiene fisica e l’attenzione a quello che capita intorno a noi.

 


				
Marzia Cikada

Psicologa, psicoterapeuta, terapeuta EMDR. Libera Professionista, realizza laboratori di scrittura autobiografica. Si occupa di adolescenti e coppie. Ama le storie.

Commenti

Sorry, the comment form is closed at this time.